Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione

Home / Destinazioni / Europa

scroll down
Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione
Luglio 15, 2017 0 Commenti

Racchiude un cuore che sa di cacao. La sua anima è dolce come i cristalli di zucchero intrappolati nel suo celebre cioccolato, ottenuto mediante una sapiente lavorazione a freddo che mantiene inalterate le note originali dei suoi ingredienti.

Ce n’è per tutti i gusti e non finirete mai di farvi tentare dalle numerose varietà alle mandorle, al sale, al peperoncino, al carrubo e chi più ne ha più ne metta!

Perdersi per ritrovarsi non è affatto semplice. Ci sono dei luoghi che tuttavia ti inducono a farlo in maniera spontanea, del tutto naturale. Mi avvicino a Modica lasciandomi coccolare dal paesaggio circostante, un altopiano quasi pianeggiante picchiettato da carrubi e ulivi.

Modica è quel luogo che non ti aspetti. Apparentemente dura come la cavità della roccia sfruttata per dare vita a casupole, pressoché sovrapposte, che dominano la parte vecchia della città. Costruzioni pittoresche, inerpicate sul fianco della collina. Modica rivela immediatamente il suo lato gentile, nascosto in un timido groviglio di viuzze dove regnano inviolabili silenzio e incanto.

Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione

E’ amore a prima vista per questa città che non si può descrivere, ma solo vivere, decidendo di camminare senza fretta.

Uno scrigno barocco, elegante e raffinato come le stanze di Terrazza San Giorgio (www.terrazzasangiorgio.it), poetica dimora in cui decidiamo di pernottare. Situata in un edificio storico costituito in parte da un ex mulino ad acqua di epoca ottocentesca e in parte da un’antica casa modicana in pieno stile siciliano Terrazza San Giorgio è un luogo intimo e magico, reso accogliente da foto, maioliche e sculture di artisti locali. Il proprietario Andrea, ci accompagna entusiasta all’interno della struttura, in cui fin dal primo momento ho la sensazione di sentirmi a casa.

Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione
Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione

Dopo un rigenerante riposo, iniziamo la nostra visita della città di Modica. Naturalmente solo dopo esserci lasciati deliziare da una strepitosa colazione al Caffè dell’Arte (www.caffedellarte.it). Tra gli altri dolci della tradizione Modicana possiamo assaporare gli 'mpanatigghie, strepitose leccornie a base di mandorle, noci, cioccolato, e carne di manzo. Non siete fatti per questo tipo di abbinamenti? Allora strappate con le mani morbidi pezzi di brioches da inzuppare in freschissime granite al gusto di caffè e panna oppure di mandorla tostata. Assolutamente imperdibili! Dopo esserci ricaricati con il gusto della tradizione è il momento di perderci per le vie  della città dominata dall’ imponente torre dell’orologio. Palazzi nobiliari sono adornati da facce con smorfie  che ci accompagnano con lo sguardo nel nostro avvicinarci al Duomo di San Pietro. Questo imponente edificio barocco ci accoglie con una gradinata in cui trionfano le statue dei 12 apostoli. La sua facciata abbellita dalle statue di 4 Santi, tra cui quella di San pietro a cui la chiesa è intitolata, è addolcita da colonne intarsiate presiedute da teneri angioletti.

Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione

L’interno della chiesa è molto più semplice rispetto alla sua facciata lavorata e dopo una breve visita ci dirigiamo verso il gioiello barocco per eccellenza di questa città, il celebre Duomo di San Giorgio. Vicoli stretti, su cui affacciano piccoli balconi con panni seccati dal sole già di prima mattina, ci conducono verso l’imponente opera di Gagliardi. Uno scorcio tra i fiori di un intenso colore fucsia ci suggerisce la bellezza del duomo quasi abbracciato da una magnifica scalinata di 250 gradini. La chiesa  è slanciata verso il cielo, così tanto da riuscire a baciarlo.

Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione
Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione

Da un primo sguardo l’elegante edificio sembra imporsi sulla città, senza mai avvalersi di toni minacciosi. Solo successivamente, grazie ad una nuova prospettiva, riconosco la sua perfetta armonia con la cornice circostante. E’ osservando Modica dal Belvedere d’Oriente che ci regaliamo la migliore vista sulla città. Una cartolina emozionante, tenera, incredibilmente fitta fino ad apparire irreale. Un’ immagine impressa nel cuore, che magnetica accenderà il desiderio di immergermi nuovamente nell’incanto.

Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione
Modica: assaporando il Barocco e il dolce gusto della tradizione
Commenti
  • Non sono presenti commenti per questo post.
Invia un commento
Una sfida a scacchi nel cuore di Marostica: che vinca il migliore!

Una sfida a scacchi nel cuore di Marostica: che vinca il migliore!

Settembre 06, 2016

Tutto gira attorno all’amore ... o quasi! Da secoli, più probabilmente da millenni, questo sentimento continua a manifest...

Continua la lettura ...

Barcelona: música y Barrio Gotico

Barcelona: música y Barrio Gotico

Maggio 30, 2016

Parola d’ordine “leggerezza”. E’ arrivato finalmente il mio weekend tanto atteso, nella coloratissima e vivacissi...

Continua la lettura ...

L'altro volto di Londra: oltre Buckingam Palace e Trafalgar Square

L'altro volto di Londra: oltre Buckingam Palace e Trafalgar Square

Febbraio 11, 2016

Minuscoli puntini impazziti sfrecciano come saette in qualsiasi ora del giorno e della notte. I protagonisti della mia Londra accostan...

Continua la lettura ...

Mind the gap!

L'altro volto di Londra: oltre Buckingam Palace e Trafalgar Square

Scopri